Homily of the Right Reverend Dom Jean Pateau

Feast of Christ the King
Rome, Holy Trinity of the Pilgrims Church, October 25, 2015

Christus vincit, Christus regnat, Christus imperat!

Dom Pateau, Feast of Christ the King 2015

Dear Brothers and Sisters,

“Christ is victorious, Christ reigns, Christ commands.” Would not the Carolingian acclamations make too big a claim on our faith?

In 1935, Stalin answered the French Premier Pierre Laval, who had asked him to respect religious freedom: “The Pope! How many divisions has he got?” Many statesmen today make implicitly, and sometimes explicitly, the same comment. Whereas in most nations throughout the world, religious freedom, the family, the right to life for unborn children or for elderly, are beset, the feast of Christ the King demands of us an act of faith, when we might be tempted to despair.

The Gospel tells us the dialogue between Jesus and Pilate, a dialogue between him who deems to have a plenary power, and a man mocked, derided, scourged: “Art thou the king of the Jews?… Art thou a king then?” Jesus’ answer reveals a kingship ignored by men, a king who is a witness to truth:

Thou sayest that I am a king. For this was I born, and for this came I into the world; that I should give testimony to the truth. Every one that is of the truth heareth My voice. (Jn 18:37)

For 2000 years, many are there, either surprised, or scoffing, or provocative, or men of compromise, or scheming, or merely doubting, who have asked Jesus this question. Jesus’ answer remains: “I am a king.”

Let us give thanks with St. Paul, because,

For in Him were all things created, in heaven and on earth, visible and invisible, whether thrones, or dominations, or principalities, or powers. All things were created by Him and in Him. And He is before all: and by Him all things consist. And He is the Head of the Body, the Church. (Col 1:16-18)

During the sacrament of baptism, the priest asks the catechumen: “What do you ask from the Church?” He must answer: “Faith.” This answer should remain our whole lives’ firm purpose. Failure of hope and charity is often a consequence of a lack of faith, of a too human consideration of situations, that forgets abandonment to God’s purpose.

However, so that nations should acknowledge Christ’s kingship over them, we must first accept His kingship over each of us. Pope Benedict XVI’s Motu proprio Summorum Pontificum allows us to enjoy peacefully the manifold riches of the extraordinary form. We should be thankful for that, and to this duty of gratefulness is added another one, that I take the liberty to sum up with a single question: Is our faith as extraordinary as our liturgy? To make Jesus the centre of liturgy has but a single aim: to become ourselves true witnesses of Christ’s kingship, to live of Christ and for Christ, to such an extent that all should be able to say: “It is Christ Who lives in him.”

This thanksgiving pilgrimage has led us to Rome when is ending the XIVth Ordinary General Assembly of the Synod of Bishops, on the theme “The Vocation and Mission of the Family in the Church and Contemporary World”.

King of men, Christ is also King of families.

On several occasions, for instance during Wednesday audiences, His Holiness Pope Francis has offered a rich and in-depth reflection on the family. During his last journey to Ecuador, the gospel of the wedding at Cana has given him the opportunity to broach this subject:
The wedding at Cana is repeated in every generation, in every family, in every one of us and our efforts to let our hearts find rest in strong and enduring love, fruitful love and joyful love. Let us make room for Mary, “the Mother”, as the Evangelist calls her. Let us journey with her now to Cana.

Mary is attentive… Mary is a Mother!… Mary prays… She teaches us to put our families in God’s hands; she teaches us to pray, to kindle the hope which shows us that our concerns are also God’s concerns. And finally, Mary acts. Her words, “Do whatever He tells you” (Jn 2:5), addressed to the attendants, are also an invitation to us to open our hearts to Jesus, Who came to serve and not to be served. Service is the sign of true love. Those who love know how to serve others. We learn this especially in the family… (Pope Francis, Homily of the Mass for Families in Guayaquil, Ecuador, July 6, 2015)

To be attentive, to pray, and to serve, such are the indications that Mary gives us.

St. Luke remembers Mary’s attitude: “Mary kept all these words, pondering them in her heart. (Lk 2:19) The Latin word that is translated by “ponder” is conferens, literally “bearing them together in her heart.” Mary’s heart is the place of an alchemy of love. There, she gives thanks, there, she prays, there also, she suffers and offers herself up.

As the jubilary year of Mercy is nearing by, are our hearts the place of a dialogue with Christ the King? Are we bearing in our hearts the joyful, luminous, sorrowful, and glorious events of our lives, pondering them in secret, so as to draw from them a rule for our actions?

“The Pope! How many divisions has he got?” Stalin might have said, “How many hearts?”—for a heart truly given to Christ is far more fearsome than a division!

Whereas St. Therese of Lisieux’ parents have recently been canonised, I think of these few words of their daughter, which I entrust you as a viaticum, in this holy town of Rome, the holy heart of Christendom:

Meditating on the mystical Body of Holy Church, I could not recognise myself among any of its members as described by St. Paul—or was it not rather that I wished to recognise myself in all? Charity provided me with the key to my vocation. I understood that since the Church is a body composed of different members, the noblest and most important of all the organs would not be wanting. I knew that the Church has a heart, that this heart burns with love, and that it is love alone which gives life to its members. I knew that if this love were extinguished, the Apostles would no longer preach the Gospel, and the Martyrs would refuse to shed their blood. I understood that love embraces all vocations, that it is all things, and that it reaches out through all the ages, and to the uttermost limits of the earth, because it is eternal. Then, beside myself with joy, I cried out: ‘O Jesus, my Love, at last I have found my vocation. My vocation is love!’ (Manuscript B, folio 3, verso)

Amen.

Right Reverend Dom Jean Pateau
Abbot of Our Lady of Fontgombault

Omelia del Molto Reverendo Padre Dom Jean Pateau

#sumpont2015: Festa di Cristo Re
(Roma, Santissima Trinità dei Pellegrini, 25 ottobre 2015)

#sumpont2015

L’Abate di Notre-Dame de Fontgombault, Dom Jean Pateau, durante la sua predica per la Festa di Cristo Re il 25 ottobre 2015 a Roma.

Christus vincit, Christus regnat, Christus imperat!

Cari fratelli e sorelle,

«Cristo vince, Cristo regna, Cristo impera». Le acclamazioni carolingie non mettono forse a dura prova la nostra fede?

Nel 1935 Stalin rispondeva così a Pierre Laval, che gli chiedeva di rispettare le libertà religiose: «Quante divisioni ha il Papa?». Oggi molti uomini di Stato fanno implicitamente, e qualche volta esplicitamente, la stessa riflessione. Nel presente frangente, in cui la libertà religiosa, la famiglia, la vita nascente o giunta al termine, sono sotto attacco nella maggior parte dei Paesi del mondo, e anche all’interno stesso della Chiesa, la festa di Cristo Re viene a sollecitare un atto di fede da parte di coloro che sarebbero tentati dalla disperazione.

Il Vangelo ha ricordato il faccia a faccia di Gesù e Pilato, il dialogo di uno che ritiene di detenere ogni potere con un uomo schernito, deriso, sconfitto: «Tu sei il Re dei Giudei?… Dunque, tu sei Re?». La risposta di Gesù svela una regalità ignorata dagli uomini, un Re testimone della verità: «Tu lo dici; io sono Re. Per questo io sono nato e per questo sono venuto nel mondo: per rendere testimonianza alla verità. Chiunque è dalla verità, ascolta la mia voce» (Gv, 18,37).

Sono 2000 anni che, in gran numero, stupefatti, beffardi, provocatori… uomini di compromesso, di calcolo, o semplicemente nel dubbio hanno posto questa domanda a Gesù. La risposta di Cristo rimane sempre la stessa: «Io sono Re».

Con San Paolo, siamo nell’azione di grazie poiché:

Per mezzo di lui sono state create tutte le cose, quelle nei cieli e quelle sulla terra, quelle visibili e quelle invisibili: Troni, Dominazioni, Principati e Potestà. Tutte le cose sono state create per mezzo di lui e in vista di lui. Egli è prima di tutte le cose e tutte sussistono in lui. Egli è anche il capo del corpo, cioè della Chiesa (Col, 1, 16-18).

Durante il rito del battesimo il sacerdote interroga il catecumeno: «Che cosa chiedi alla Chiesa?». Quegli risponderà: «La fede». Una risposta che deve essere il fermo proposito di una vita. Il fallimento della speranza e della carità dipende spesso da una mancanza di fede, da una visione troppo umana delle circostanze che dimentica l’abbandono al piano di Dio.

Il riconoscimento da parte degli Stati, delle nazioni, della regalità di Cristo, comincia con l’accettazione di questa regalità su ciascuno di noi. Il Motu Proprio Summorum Pontificum di Sua Santità il Papa Benedetto XVI ci permette di attingere nella pace alle ricchezze liturgiche della forma straordinaria. Alla nostra gratitudine si aggiunge un dovere che oso riassumere in una domanda: la nostra fede è altrettanto straordinaria quanto il rito che celebriamo? Rincentrare la liturgia su Cristo non ha che uno scopo: diventare noi stessi dei veri testimoni della regalità di Cristo, vivere di Cristo e per Cristo, a tal punto che tutti dovrebbero poter dire: «è Cristo che vive in loro».

Questo pellegrinaggio di azione di grazie ci conduce a Roma mentre si conclude la XIV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei Vescovi sul tema: «La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo».

Re di ogni uomo, Cristo è anche Re delle famiglie.

In più occasioni, per esempio nel corso delle udienze del mercoledì, Sua Santità il Papa Francesco ha proposto una ricca e profonda riflessione sulla famiglia. Durante il suo recente viaggio in Ecuador, il Vangelo delle nozze di Cana gli ha dato occasione di affrontare il tema:

Le nozze di Cana, diceva il Papa, si rinnovano in ogni generazione, in ogni famiglia, in ognuno di noi e nei nostri sforzi perché il nostro cuore riesca a trovare stabilità in amori duraturi, in amori fecondi, in amori gioiosi. Facciamo spazio a Maria, “la madre”, come afferma l’Evangelista. E facciamo ora insieme a lei l’itinerario di Cana. Maria è attenta… Maria è Madre… Maria prega… Ella ci insegna a porre le nostre famiglie nelle mani di Dio; ci insegna a pregare, alimentando la speranza che ci indica che le nostre preoccupazioni sono anche preoccupazioni di Dio. E, alla fine, Maria agisce. Le parole: “Fate quello che vi dirà” (v. 5), rivolte a quelli che servivano, sono un invito rivolto anche a noi, a metterci a disposizione di Gesù, che è venuto per servire e non per essere servito. Il servizio è il criterio del vero amore. Chi ama serve, si mette al servizio degli altri. E questo si impara specialmente nella famiglia… (Santa Messa per le famiglie, Parque de los Samanes, Guayaquil, lunedì 6 luglio 2015).

Essere attenti, pregare e servire, sono le indicazioni dateci da Maria.

San Luca ricorda l’atteggiamento di Maria: Ella «serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore» (Lc 2,19). La parola latina per “meditandole” è “conferens”, letteralmente “portandole tutte insieme nel suo cuore”. Il cuore di Maria è il luogo di una alchimia d’amore. È là che Ella rende grazie, là che prega, ed è ancora là che ella soffre e che si offre.

Mentre si avvicina l’anno giubilare della Misericordia, in nostri cuori sono il luogo di un dialogo con Cristo Re? Portiamo in essi gli avvenimenti gioiosi, luminosi, dolorosi e gloriosi delle nostre vite, meditandoli in segreto per derivarne una regola per il nostro agire?

«Quante divisioni ha il Papa?». Stalin avrebbe potuto dire: «Quanti cuori?». Perché un cuore donato a Cristo è molto più temibile di una divisione!

In questi giorni in cui i genitori di Santa Teresa del Bambin Gesù sono appena stati canonizzati, mi sovvengono alcune parole di loro figlia, e ve le lascio come viatico in questa santa città di Roma, cuore della cristianità:

Considerando il corpo mistico della Chiesa, non mi ero riconosciuta in alcuno dei membri descritti da san Paolo, o piuttosto volevo riconoscermi in tutti… La Carità mi dette la chiave della mia vocazione. Capii che, se la Chiesa ha un corpo composto da diverse membra, l’organo più necessario, più nobile di tutti non le manca, capii che la Chiesa ha un cuore, e che questo cuore arde d’amore. Capii che l’amore solo fa agire le membra della Chiesa, che, se l’amore si spegnesse, gli apostoli non annuncerebbero più il Vangelo, i martiri rifiuterebbero di versare il loro sangue… Capii che l’amore racchiude tutte le vocazioni, che l’amore è tutto, che abbraccia tutti i tempi e tutti i luoghi… in una parola che è eterno! Allora, nell’eccesso della mia gioia delirante, esclamai: Gesù, Amore mio, la mia vocazione l’ho trovata finalmente, la mia vocazione è l’amore! (Manoscritto B, folio 3, verso)

Amen.